Forgiveness exists only in fairy tales...

in ita •  2 months ago

🇬🇧 How many times in your life have you heard the word forgiveness? A word that in my experience of life is limited to the imaginary, as a title to the fairy tales, a word that I think can be erased from human life, because I don't believe it exists... A word invented to make believe that there is something even after the mistakes, but what is the truth?...

I can be wrong, I do it on many things, but make mistakes is human right? Is the same for the forgiveness? That famous movie phrase "God forgives, I don't!", I don't think is said by chance or simply by effect, a phrase that contains the human inability to forgive, a phrase that I believe can belong to all...

No matter how good you have done before, no matter how good you can do in the future, when you make a mistake, trivial or serious it matters little, you will always be that mistake for a group of people or a single person.

I don't know what leads the human mind to focus only on mistakes, perhaps all the rottenness that surrounds us have led us to preserve in our memories only the negative sides of what we live, where positive events can also be far superior but they are easily forgotten, leaving space only to the grudge...

These words may seem drastic, of a person who sees everything black, but it isn't so... Rather, I always try to see the light that is found in each of us, but I am just a simple person, I am nobody, if not at most an error for many... Just the fact that forgiveness doesn't exist, it leaves me this only certainty...


lost-places-1549096_1280.jpg
Tutto ciò che abbiamo di bello presto o tardi finirà, i bei ricordi ci vengono privati con troppa facilità, dove non esiste perdono rimane solo l'oscurità. - CCO image source pixabay.com


🇮🇹 Quante volte nella vostra vita avete sentito la parola perdono? Una parola che nella mia esperienza di vita si limita all'immaginario, come da titolo alle favole, una parola che credo possa essere cancellata dalla vita umana, perchè non credo esista... Una parola inventata per far credere che esista qualcosa anche dopo gli errori, ma qual'è la verità?...

Mi potrò sbagliare, lo faccio su molte cose, ma sbagliare è umano giusto? Perdonare lo è altrettanto? Quella famosa frase da film "Dio perdona, io no!", non credo sia detta a caso o semplicemente per effetto, una frase che racchiude l'incapacità umana di perdonare, una frase che credo possa appartenere a tutti...

Non importa quanto di buono avete fatto prima, non importa quando di buono potrete fare in futuro, quando si commette un errore, banale o grave che sia poco importa, voi sarete sempre quello sbaglio per un gruppo di persone o una singola persona.

Non so cosa porti a focalizzare la mente umana solo sugli sbagli, forse tutto il marcio che ci gira attorno ci ha portati a preservare nei nostri ricordi solo i lati negativi di ciò che viviamo, dove gli eventi positivi possono essere anche di gran lunga superiori ma vengono facilmente dimenticati, lasciando spazio solo al rancore...

Queste parole vi potranno sembrare drastiche, di una persona che vede tutto nero, ma non è così... Anzi, cerco sempre di vedere la luce che si trova in ognuno di noi, ma io sono solo una semplice persona, non sono nessuno, se non al massimo un errore per molti... Proprio il fatto che il perdono non esista, mi lascia questa unica certezza...


I hope you find this interesting, follow me for more posts. Thanks by @stea90.

STEEM GIF.gif

Authors get paid when people like you upvote their post.
If you enjoyed what you read here, create your account today and start earning FREE STEEM!
Sort Order:  

Il tuo post l'ho letto stamattina, ma ci ho rimuginato un po' su prima di buttar giù due righe.

Ti parla una maestra di rancore, covato per anni a volte per futili motivi. Ad un certo punto sono stata così male che sono esplosa ed ho chiesto aiuto. Contemporaneamente ho scoperto che non erano gli altri, ma solo io stessa a farmi del male, perché non perdonare nulla significa spesso non perdonare neanche se stessi quando si sbaglia (per coerenza?). Ho capito inoltre che spesso perdonare è proporzionale al peso che diamo alle cose, o al tempo trascorso dagli eventi. Una offesa, un dispetto che da adolescente mi sembravano alto tradimento, oggi li vivo con più serenità e relatività, ed in fondo si può lasciar correre. Ecco, spesso bisogna lasciarlo andare, tutto questo rancore. Lungi da me l'aver raggiunto il nirvana del perdono, la mia natura resta pur sempre tutt'altro che mite e accondiscendente. Tuttavia accettare a me stessa che io per prima posso sbagliare; assaporare, dopo un grave errore, la dolcezza del perdono altrui nel momento del rammarico per gli sbagli commessi; provare a far lo stesso imitando chi mi ha perdonato; ecco, questo, mi ha insegnato a darmi, talvolta, pace.
Perché il perdono, prima che agli altri, serve a noi stessi.
E chi non ti perdona o si allontana da te non fa un torto a te, ma a se stesso, ammettendo e dimostrando la propria immaturità nel giudicare un evento che, come ben dici, è solo un fatto, non una persona intera, fatta, al contrario, da tante altre cose, tanti altri episodi, tanto altro tempo vissuto, invece, bene.

·

Tra i miei tanti post e fortuna mia tanti commenti credo di averne letti pochi di così belli e profondi. Sta bene qui in alto subito sotto il post, perchè credo sia la miglior spegazione alle mie parole spesso confuse. Condivido in pieno ogni parole che hai scritto, è vero anche perdonare noi stessi è difficile, forse lo è di più, ci sono cose che dopo tanti ormai troppi anni non riesco ancora a perdonarmi...

E chi non ti perdona o si allontana da te non fa un torto a te, ma a se stesso, ammettendo e dimostrando la propria immaturità nel giudicare un evento che, come ben dici, è solo un fatto, non una persona intera, fatta, al contrario, da tante altre cose, tanti altri episodi, tanto altro tempo vissuto, invece, bene.

Questa invece è l'essenza di ciò che avrei voluto esprimere io, ti ringrazio per averlo fatto così bene al posto mio, trovo queste ultime parole meravigliose!

·
·

Tu mi lusinghi. Ho solo condiviso quello che la vita, non senza lasciare cicatrici, mi ha insegnato. Se potrà essere d'aiuto a qualcuno, anche solo per la vicinanza che ci accomuna come esseri umani, sarà già molto più di quel che spero. Grazie ancora, è per me un immenso piacere confrontarsi su temi che ci toccano intimamente.

A long but a very good article.......Right from the childhood my parents have always thought me the concept behind forgiveness and in fact it has a great power.

A person with no ego never regret to forgive someone and it adds a lot of respect for the person.

A very good article, i hope anyone reads this article must always forgive everyone and spread happiness always.

thanks author for the article

·

Thanks for your comment, you understood very well what I meant! It was a spur to reflect precisely on forgiveness, I hope it exists, but unfortunately I never found it, but I don't stop for this to trust in people, sooner or later maybe it will change!

Non hai un'idea di quanto io sia sulla tua lunghezza d'onda, carissimo Fede, perché ho dei seri problemi con una persona, che avrei una dannata e fottuta voglia di dirle chiaro e tondo nel suo muso "Ma si scavi dalle palle, che mi ha rotto il cazzo!!!" che non te lo puoi neanche lontanatamente immaginare, ma purtroppo ho le mani legate, perché ormai è limpido e pacifico il fatto che io non sono digerito ed accettato, sono semplicemente tollerato.
Posso fare e dire le cose migliori del mondo, salvare 1.000 vite umane, ma se ad esempio tiro una bestemmia, che non si dovrebbe, ma in certi momenti sembra che qualcuno ci metta lo zampino per farmi moccolare, tranquilli, sono una testadicazzo che moccola, non uno che ha salvato 1.000 vite umane, giusto per far capire meglio a che punto siamo arrivati, ma il livello del gonfiore personale scrotale è molto alto, non sono un santo nella maniera più categorica, per cui, a costo di pagare un prezzo salato, se mi prenderà in fututo in un momento no, potrei anche essere più dirompente della bomba di Hiroshima, ma vorrei che accadesse a seguito di una cappella della persona in questione

·

Ti capisco tanto, ho scritto questo post appunto, non tanto per questioni personali, ma perchè è un dato di fatto che accomuna la vita di tutti bene o male... Purtroppo si, come dici giustamente non importa quante cose buone fai, ti rimane l'etichetta per qualcosa che talvolta risulta quasi banale, eppure quella non si cancella mai, ma tutte le belle cose si dimenticano come sabbia soffiata via dal vento... Ma non provare rancore, c'è ne già troppo in giro, ora non posso capire bene la tua situazione, ma c'è sempre una via pacifica, almeno spero.

Il perdono è un termine che implicitamente richiama alla biblicità ed a figure in cui si può credero o meno.
Personalmente sono convinto che perdonare sia una qualità di una persona, pur essendo io una persona che difficilmente, come te @stea90, riesca sempre a fare ciò. Probabilmente per questo la reputo una qualità.
Perdono non significa dimenticare, ma imparare a conoscere un'altra persona concedendo ad essa una seconda-terza possibilità, con la consapevolezza del passato.

·

Penso che hai espresso perfettamente cosa dovrebbe significare perdono! Tuttavia, sarò stato sfortunato, magari ho conosciuto troppe persone sbagliate, ma nella mia vita personalmente non ho trovato ancora nessuno che lo abbia fatto, le cose sono sempre cambiate, più o meno drasticamente, ma nel più dei casi è sempre stata presa la via più semplice, quella dell'abbandono...

Credo che il perdono prima di tutto faccia bene a noi stessi. Non è facile anzi, è un percorso in salita.

Penso sia più facile odiare, portare rancore e vedere solo le cose negative.. ma se riuscissimo tutti a cercare di capire e perdonare staremmo meglio, ci sentiremmo più liberi.
Un saluto 😊

·

Scusa il ritardo con cui rispondo... Spero che molti possano leggere il tuo commento, penso sia la cosa più giusta e sana seguire il tuo pensiero, ma giustamente come dici non è semplice, perchè la via più facile è portare appunto rancore.

Forse dovremmo pensare di meno, essere nel presente, per silenziare il cervello pensante che rimurgina il passato e ci porta a far credere che è difficile perdonare. Se viviamo nel presente diventa facile perdonare.

·

Grazie per l'intervento... Ti dirò, io vivo nel presente, è l'unica cosa che ho, ma non ho ancora conosciuto personalmente qualcuno in grado di perdonare davvero, c'è chi ci passa sopra, ma non è perdono, tuttavia i più ti segnano a vita...

·
·

Personalmente ho subito 2 truffe lo scorso anno che hanno azzerato il mio conto in banca, una di queste da 2 amici di cui mi fidavo. Solo quando mi sono messo realmente in uno stato di presente mi sono liberato dai cattivi pensieri e anzi, è diventato a quel punto più facile perdonare che continuare a rimurginare.