Globalizzazione o Antiglobalizzazione?

in #ita4 years ago (edited)

Globalizzazione o Antiglobalizzazione?


together-2450084_1280.jpg

[CC0 Creative Commons]

La globalizzazione è quell’insieme di rapporti sociali, politici, economici che comprendono l’insieme di mutamenti su un piano mondiale, in un’ottica di condivisione di cultura, linguaggio, tradizioni e usi differenti, che si inglobano in una dimensione unitaria che comporta la creazione di una società-mondo, delocalizzata e despazializzata, dove non esiste più confine di terra e spazio, dove le distanze si rimpiccioliscono, grazie al nuovo contributo dei media, come: televisione, radio e social network; per costruire società centrate sullo sviluppo della persona.

La globalizzazione farebbe, quindi, pensare all’assenza di un centro.

Il motore della globalizzazione oggi risulta l’economia, il capitale e la finanza, inseriti in processi di integrazione/ interazione, che hanno corso e continuano a correre assai più velocemente della politica.

Oggi il globo terrestre è attraversato da flussi di informazioni, rapidi movimenti, reti di comunicazioni, scambi finanziari e culturali.

La globalizzazione è considerata come la modernizzazione della modernità, intesa non come crescita lineare di razionalità e controllo, ma come auto trasformazione non controllata, delle istituzioni politiche e sociali.

La globalità si configura come una istituzione, un processo, un elemento immaginario, dove si raggiunge uno sviluppo indirizzato verso una contrazione delle dimensioni spazio-temporali, legata alla rapidità, la velocità, l’impatto dei movimenti e una nuova forma di temporalità, priva della stessa accezione di tempo.

flags-3280311_1280.jpg

[CC0 Creative Commons]

La globalizzazione ha condotto verso un rapido e consensuale processo di erosione degli Stati, che ha portato a cedere parte dei tradizionali poteri a organismi sovranazionali, come l’Unione Europea, l’ONU, il Fondo monetario internazionale e la Banca mondiale, al fine di creare una politica comune.

Un’altra faccia della stessa medaglia è l’antiglobalizzazione.

La gente comune spesso ha un atteggiamento scettico nei confronti degli obiettivi politici raggiungibili dagli Stati e dai vertici globali. Ritenendo che Stati, grandi imprese e organizzazioni internazionali non siano in grado di trovare soluzioni ai problemi legati allo sviluppo della globalizzazione.

question-mark-2153518_1280.jpg

[CC0 Creative Commons]

I movimenti sociali globali sollevano infatti importanti interrogativi su alcuni tra i più rilevanti problemi mondiali:

• povertà mondiale,

• degradazione ambientale,

• proliferazione delle armi di distruzione di massa (nucleare);

Tutti comportamenti orientati a produrre profitto.

I movimenti sociali hanno la capacità di mettere all’ordine del giorno questioni riguardanti problemi generati da settori della società e di farlo in modo nuovo, critico e creativo.

Il movimento è essenzialmente contrario alla globalizzazione neoliberista che attribuisce il potere alle grandi società e allo Stato dei Paesi ricchi, di accedere ai mercati mondiali dei paesi in via di sviluppo, consentendo lo sfruttamento della manodopera a basso costo e l’allentamento degli standard ambientali.

Tra le principali conseguenze negative si ha la disoccupazione per i lavoratori dei Paesi ricchi, la cui manodopera si trova a dover competere con quella a basso costo dei Paesi in via di sviluppo, provocando una “corsa al ribasso” nell’ambito dell’occupazione, dell’ambiente e degli interessi sociali.

Alcuni attivisti del movimento antiglobalizzazione chiedono una maggiore equità nella mobilità, nella libera circolazione di persone e capitali, in quanto essi ritengono vi sia incoerenza e disuguaglianza tra Paesi ricchi e poveri.

Molti critici rimproverano ai movimenti sociali globali di non essere veri e propri movimenti concreti, altri li accusano di essere dominati dagli attivisti troppo violenti.

Le tre critiche più significative che vengono mosse ai movimenti antiglobalizzazione:

  1. Che sono troppo eterogenei per essere un movimento;
  2. Che sono fortemente critici ma mancano di un sistema di riferimento propositivo;
  3. Che operano al di fuori dei centri decisionali e hanno quindi un impatto limitato.

La prima critica riguarda il fatto che i movimenti antiglobalizzazione sono troppo diversi fra loro per costituire un vero e proprio movimento.

La seconda critica sostiene che l’antiglobalizzazione è un movimento di opposizione che manca però completamente di un programma concreto. Questo fa si che i movimenti antiglobalizzazione vengano spesso associati a frange più discutibili e pericolose del movimento, diventano fragili e sostituibili da parte di attori politici che hanno un proprio programma.

D’altra parte i movimenti antiglobalizzazione sostengono elementi come il protezionismo, il libero scambio, che sia realmente libero e l’apertura ai reciproci scambi commerciali.

I movimenti antiglobalizzazione possono dunque avere un impatto in società?

Si, in quanto essi possono trasformarsi in movimenti politici e mettere a punto un programma. Sviluppando interessi comuni con gli attori politici dei Paesi che ne condividono visioni, critiche e obiettivi, creando affini obiettivi di giustizia sociale.

earth-1390199_1280.jpg

[CC0 Creative Commons]

Fonti di riferimento:

Sociologia: problemi, teorie, intrecci storici di Teresa Grande, Ercole Giap Parini

Sociologia della globalizzazione di Luke Martell


Sort:  

D’altra parte i movimenti antiglobalizzazione sostengono elementi come il protezionismo, il libero scambio, che sia realmente libero e l’apertura ai reciproci scambi commerciali.

Il libero scambio e il protezionismo, insieme, sono una contraddizione.
I no-global vogliono i dazi, ai tempi non volevano che la Cina entrasse nel WTO, quindi altro che scambi commerciali.

Una provocazione: la globalizzazione è anche una via per aiutarli a casa loro. Aiutare non è gratis, è un trasferimento di ricchezza.

I no global in politica sono Lega, M5S (almeno fino a qualche mese fa), vari piccoli partiti di ultra-sinistra e di ultra-destra.

Coin Marketplace

STEEM 0.27
TRX 0.07
JST 0.040
BTC 29311.51
ETH 1982.76
USDT 1.00
SBD 2.38