Gioco d'Azzardo e Società

in #ita3 years ago (edited)

gambling.jpg


Carissimi amici, oggi voglio parlarvi di un fenomeno che esiste fin dai tempi antichi. Fenomeno che ha intrappolato ed intrappola tantissime persone senza distinguere colore della pelle o classi sociali: la ludopatia da Gioco D’azzardo.
Occorre comunque fare dei distinguo, giusto per non etichettare un giocatore di scacchi come giocatore d’azzardo.

Quando parlare allora di gioco d’azzardo????

Esso si configura quando sono presenti determinate condizioni.
La prima quando un giocatore mette in palio beni o denaro e la seconda quando l’esito del gioco è determinato in maniera prevalente dall’alea.
Nell’immaginario collettivo, il giocatore d’azzardo è un assiduo frequentatore di case da gioco legalizzate i Casinò e Bische Clandestine, cioè luoghi dove, senza alcun tipo di autorizzazione e controlli di sicurezza, vengono effettuate puntate in soldi generando così un profitto illecito per gli organizzatori. Nessuno tiene conto però che i Monopoli di Stato organizzano e gestiscono giochi in cui non solo è possibile parteciparvi con delle puntate in denaro, ma il cui esito dipende direttamente dal caso. Questi giochi come lotto, superenalotto, gratta e vinci e lotterie varie hanno tutte le caratteristiche e le condizioni dei più comuni giochi d’azzardo quali: Blackjack, Roulette, Baccarat.

div.png

La medicina e specialmente la psichiatria si sono concentrate in quello che è il risvolto “patologico” derivato dall’abuso e dalla dipendenza da giochi d’azzardo, meglio conosciuto come ludopatia. La ludopatia è molto diffusa e racchiusa nella categoria delle “nuove dipendenze”, un po’ come quella della masturbazione compulsiva descritta in qualche articolo fa. Ed in effetti come la masturbazione compulsiva è incentivata dall’abbondanza e dalla gratuità della pornografia online, in egual misura la ludopatia da gioco d’azzardo si sorregge sull’abbondanza di siti di gambling online e di negozi fisici e bar che ospitano dispositivi di gioco d’azzardo (slot machine e banchi scommessa). Questo è un concetto che in parte ribalta l”abc” dell’economia che prevede che sia la domanda a generare l’ offerta e non viceversa.

Questo perché??

Perché è da qualche tempo che assistiamo al moltiplicarsi dei tipi di gioco d’azzardo, di ambienti dedicati alle slot ed alle scommesse e conseguentemente anche il numero di giocatori. Ed a proposito di numeri sembrerebbe che 1 persona su 3 si trattenga volentieri con questo tipo di intrattenimento. Purtroppo però molti di essi sviluppano il comportamento patologico compulsivo ed una dipendenza.

div.png

Cosa genera la mente dei soggetti ludopatici?

Tutti i giochi d’azzardo hanno in comune il fatto di essere statisticamente sfavorevoli per il giocatore. Il vantaggio del banco al Casinò, dell’organizzatore di una lotteria o dei più comuni giochi pubblici si aggira su percentuali che variano tra il 4% ed il 50%. Eppure le persone tendono a perseverare nel parteciparvi talvolta accanendosi magari per compensare un perdita precedente con l’ambizione di rifarsi.
Ma oltre a questi aspetti, recenti studi hanno sottolineato il fatto che questi atteggiamenti vengono dettati da altri ancora più profondi, come quello che chi gioca d’azzardo o chi pone in essere un rischio economico al fine di ricavarne una vincita, si illude di poter controllare il gioco o la situazione stessa. Tale illusione è talmente forte da sovrastare la conoscenza dello svantaggio matematico del gioco. Il mancato controllo genera anche una sorta di “distorsione” della realtà per cui un giocatore fatica la “percezione” della perdita sovrastimando le possibilità di rifarsi.

depression.jpg

Purtroppo la ludopatia ha importanti ripercussioni sui singoli individui e sulle famiglie degli stessi. Non mancano mai infatti notizie di cronaca che raccontano fatti violenti e spesso autolesionistici di persone cadute nel baratro della ludopatia da gioco d’azzardo.

Non solo giochi d’azzardo però

Gli stessi atteggiamenti patologici li possiamo trovare anche negli investitori di borsa o comunque nei mercati finanziari o in quelli delle criptovalute. Anche l’offerta di Broker finanziari che operano sui mercati borsistici, gli exchange di criptovalute che oggi consentono ai propri clienti di fare trading, la pedante e continua pubblicità alla quale tutti noi siamo sottoposti può spingere, dei soggetti particolarmente predisposti ad assumere degli atteggiamenti patologici e ludopatici, i cui effetti sono devastanti sia per la persona coinvolta che per i propri familiari.
Fortunatamente però esistono delle terapie molto efficaci per uscire definitivamente da questa condizione patologica. Il nostro territorio è ricco di professionisti ed associazioni capaci di supportare chi necessita di questo tipo di aiuto. Vi sono terapie molto valide come la “Terapia cognitiva e comportamentale” che spiegano ai pazienti il “disagio” ponendo in essere pensieri e relazioni ed infine comportamenti.

div.png

Conclusione

Oggi viviamo sotto un bombardamento mediatico di occasioni di gioco e vincita. Televisioni e radio, banner colorati e siti fatti ad arte, call center che ci contattano promettendo investimenti favorevoli su questo o su quello e persino lo Stato, nello spot dei suoi giochi (ti piace vincere facile?) ci suggerisce facili vincite e ci promette lauti guadagni. Non in ultimo il mondo delle cryptovaluteé e l’hype* che si è generato intorno al bitcoin. E’ un po’ come prendere un veleno iniettato lentamente e che, prima o poi, in un modo o in un altro, presenterà tutti i suoi effetti.

Ma una società improntata sul bene comune può permettere tutto questo?

A presto!

Fonte immagine uno (di copertina): CCO Creative Commons - Pixabay
Fonte immagine due: CCO Creative Commons - Pixabay

div.png

div.png

Sort:  

Condivido il tuo pensiero sul gioco, lo hai spiegato in modo impeccabile... è vero che anche sul mondo delle crypto è pieno di giocatori d'azzardo. Io stesso qualche anno fa prima di conoscere il bitcoin mi ero fatto prendere la mano dal gioco, per fortuna prima di spingermi troppo oltre un giorno mi sono dato 2 schiaffi e ho detto ma cazzo stai facendo?(scusa l'espressione). E da li non ne ho più voluto saperne... Purtroppo ci sono certe persone che non riescono a dire no e si rovinano la vita. Mi fa schifo vedere quanto si parla che il gioco sta rovinando la vita di un sacco di persone, lo dicono istituzioni, per tv, su internet, giornali, ma poi è pubblicizzato in modo stra invasivo ovunque. Guardi una partita di calcio e sui cartelloni pubblicitari ci sono solo pubblicità di siti di gioco d'azzardo, una schifo...

Ciao Stea90. Grazie per il contributo prezioso. Io ho provato un approccio più analitico al gioco tempo fa. Ero un appassionato di Roulette e di Blackjack. Studiavo sistemi basandomi più che altro sul money management. Sono sempre riuscito ad approcciarmi in modo distaccato senza mai esagerare, anche con il poker online che al contrario di quello che si crede è uno skill game ovvero un gioco di abilità. Come detto nell'articolo e come da te successivamente sottolineato andrebbero attuati dei provvedimenti per impedire l'eccessiva pubblicità che altro non fa che creare nuovi soggetti patologici.

Condivido! Purtroppo è come alcool e sigarette, dicono ovunque che fa male ma poi te le vendono porta a porta ormai... e allora cosa serve... Speriamo cambino le cose, almeno che limitino le pubblicità, ma figurati sotto ci sono affari da milioni.

E steemit? Da' dipendenza?

e si cara Marta, potrebbe... Più di quello che pensi.. Rientra nelle "social network addiction" che sarà l'ultimo capitolo della mia rassegna sulle dipendenze... Ciao e grazie di essere passata...

Resisto a tutto fuorché alle tentazioni
(Oscar Wilde)
Come tutte le cose anche i vizi vanno dosati

No , una società improntata nel bene comune non dovrebbe permettere tutto questo! Ti seguo!

Disamina ineccepibile, il gioco d'azzardo è una problematica molto forte della vita di tante persone, e sinceramente mi ritengo un giocatore, che in alcuni momenti della sua vita, si è trovato non troppo distante dalla ludopatia, e bisogna anche a mio avviso fare un'ulteriore distinzione: se per ludopatia intendiamo un eccessivo attaccamento ed accanimento al gioco (di qualsiasi tipologia si tratti), allora sono andato vicino a questo fatto, se come ulteriore aggiunta si vuole inserire anche il concetto di mettere in gioco poste troppe alte per le proprie finanze, allora ci sono sempre stato molto distante, il senso di responsabilità e di adattare la quantità di spesa alle mie entrate ha sempre dominato nel mio operato. Di certo, uno stato che molto spesso assume i contorni del biscazziere, non ha molto diritto di puntare il dito contro i giocatori, visto che da una vita la gente si è rovinata ed in alcuni casi si è tolta la vita con un gioco antichissimo e da sempre sospettato di raggiri come il Lotto

This post has received a 1.33 % upvote from @boomerang thanks to: @franky4dita

Coin Marketplace

STEEM 0.21
TRX 0.02
BTC 11604.36
ETH 379.26
SBD 1.03