JIBBiT e il mercato globale della cannabis

in #ita3 years ago (edited)

Jibbit
Immagini gentilmente concesse dietro autorizzazione scritta

Jibbit è un progetto tedesco, ed in quanto tale registrato, che porta su blockchain l’ecosistema economico mondiale della cannabis. Così facendo il team vuole rendere il mondo della cannabis indipendente dalle dinamiche finanziario speculative di mercato, rendendolo globale e concorrenziale.
L’industria della cannabis è in rapida crescita, grazie anche alle scoperte scientifiche legate a questo prodotto che, fino a ieri, era considerato da molti un tabù. Le proprietà curative scoperte e le caratteristiche tecniche delle sue fibre, aprono l’adozione della cannabis a mille usi e pertanto è considerato uno dei mercati con più alto potenziale. Sulla piattaforma sono ammessi solo rivenditori certificati e con tutta la documentazione necessaria prevista per legge.
Su Jibbit è possibile pagare con cripto valuta, senza frontiere, senza paure, in piena sicurezza. Grazie alle partnership siglate da Jibbit, il progetto sta diventando anche volano di espansione dell’adozione delle cripto monete, perchè alla piattaforma sono interessate molte Società che fino a ieri non conoscevano le cripto.
Jibbit
Immagini gentilmente concesse dietro autorizzazione scritta

Come in tutte le piattaforme e-commerce su blockchain con proprio token, chi utilizza il token usufruisce di sconti che si generano dalle commissioni pagate dai venditori alla piattaforma. I possessori di Jibbit, iscritti alla piattaforma, inoltre, potranno visualizzare offerte lampo, promosse da venditori associati, acquistabili con soli token Jibbit.
La piattaforma è pensata per ridurre al minimo le commissioni. Infatti, pubblicare annunci o iscriversi non ha alcun costo. Le commissioni sono legate solo al volume generato. Chi acquista sulla piattaforma, acquista in forma del tutto anonima ed in completa sicurezza, godendo di sistemi di spedizione rapidi e sicuri.
Il progetto è in fase di autofinanziamento e si presenta agli investitori con un prototipo (JIBBit Runner) su cui il team ci ha già lavorato duramente. Il lancio della piattaforma è prevista per il 2019, quando verranno lanciate anche le App per Android e iOS.

Jibbit
Immagini gentilmente concesse dietro autorizzazione scritta

Di seguito un video che racconta il prototipo:

Si potrà partecipare alla ICO da domani. L’obiettivo minimo è di 1 milione di dollari, il massimo di 18 milioni. Chi investe riceveve in cambio i token JIB (ERC20) che potranno essere utilizzati sulla piattaforma al lancio.

Jibbit
Immagini gentilmente concesse dietro autorizzazione scritta

Di tutti i token generati, pari a 700.000.000, 420.000.000 sono in vednita, con prezzo medio di 0,05 USD/token. Si potrà acquistare con BTC, LTC, ETH, USD ed EUR, previo superamento del KYC (Know Your Customer). Come in molte ICO, non sono ammessi finanziatori americani, cinesi e canadesi.

Per maggiori informazioni visita:
Sito web: https://jibbit.io/
Whitepaper: https://jibbit.io/wp-content/uploads/2018/06/Whitepaper-Version-1.09.pdf
Annuncio su Bitcointalk: https://bitcointalk.org/index.php?topic=4315020.new#new
Canale Telegram: https://t.me/jibbitico/
Canale GitHub: https://github.com/JibbitGmbH/
Canale Reddit: https://www.reddit.com/user/jibbitico
Canale YouTube: https://www.youtube.com/channel/UCIMa1BtqrJLn6446tLn79qA/featured/
Profilo Twitter: https://twitter.com/jibbitico/
Profilo Facebook: https://www.facebook.com/Jibbit-1196046843831431/
Profilo Linkedin: https://www.linkedin.com/company/jibbit/

Dichiarazione di limitazione di responsabilità: il presente è un articolo personale contenente mie opinioni e pertanto non può e non deve considerarsi un consiglio finanziario.

Bitcointalk username: yesyoupump Link al profilo: https://bitcointalk.org/index.php?action=profile;u=1923816
Sort:  

Jibbit è un progetto abbastanza ambizioso che merita la giusta attenzione.

Bisogna capire come un progetto di questo genere si interfacci con la normativa nazionale locale. Ogni Paese, infatti, ha le sue regole, pertanto gli sviluppatori dovrebbero calibrare le attività per Paese di utilizzo.