Lussazione-Fratture alla caviglia, Qual'è il loro Trattamento?

in steemstem •  7 months ago

Image of t1.0-9/41688042_2291365530878330_8122123983865774080_n.jpg

Immagine: Personale.

La caviglia, nota anche come "la gola del piede" è un articolazione complessa che collega la gamba con il piede. Appartiene alla trocleoartrosi.
È rinforzato da un apparato capsulo-legamentoso costituito principalmente dal complesso mediale e laterale, e dalla sindesmosi.

Il legamento deltoide, con i suoi due fascicoli, fornisce stabilità mediale ed è il più resistente, mentre il peroneo collaterale offre stabilità laterale.
La dislocazione della caviglia è uno degli incidenti più frequenti negli atleti, combina la perdita temporanea del contatto di due o più articolazioni con la lesione dei tessuti molli e delle strutture ossee.

Esistono quattro meccanismi di produzione secondo Lauge-Hansen:
• Adduzione-supinazione.
• Supinazione - rotazione esterna (il meccanismo più frequente)
• Pronazione-abduzione.
• Pronazione: rotazione esterna.

Questi meccanismi sono generati in base al modo di posizionare il piede o la caviglia al momento del trauma, cioè, se il piede è invertito o nella congiunzione di eversione con rotazioni esterne o interne.
Un'altra classificazione utilizzata è il Danis-Weber, (tipo A, B e C) in cui viene preso in considerazione il livello della lesione in relazione alla sindesmosi (sotto, allo stesso livello e sopra)

Una dislocazione è un'emergenza, pertanto, deve essere corretta immediatamente, poiché il fenomeno della dissociazione delle superfici articolari, gli elementi neurovascolari possono soffrire compressione, trazione… alterando la loro funzione, e ciò potrebbe consentire lo sviluppo di complicanze (neuroprassie , sindromi compartimentali, osteonecrosi)

Il trattamento dipenderà se la sindesmosi è compromessa, se la frattura viene scomposta, se è esposta…
Di solito richiedono un trattamento chirurgico con riduzione, più una fissazione interna con materiale per osteosintesi (piastre, viti, ecc.). Tuttavia, quando il profilo del paziente e la personalità della frattura lo consentono, possono essere trattati in modo conservativo, ovviamente, la riduzione deve essere totalmente anatomica, ricordando che il progresso e la funzione prevista di questo importante segmento dipenderanno da esso.

Image of t1.0-9/41688044_2292902097391340_5493231281451827200_n.jpg

Immagine: Personale.

L'immagine che pubblico corrisponde a un paziente maschio di 73 anni, con una storia di diabete mellito (tipo II), ipertensione arteriosa e insufficienza vascolare periferica, con una dislocazione e frattura della caviglia destra di 12 ore di evoluzione, dopo riduzione del pronto soccorso, l'ho immobilizzato con una stecca di gesso (stivale) per controllare l'edema e favorire l'irrigazione del sangue. Dopo aver eseguito il controllo radiologico post-riduzione, ho preso in considerazione un tempo di attesa di 72 ore per valutare la sua evoluzione e, in base alle comorbilità e al rischio chirurgico, ho deciso di trattarlo in modo conservativo attraverso un intonaco chiuso(stivale) per 8 settimane che mostra risultati soddisfacenti. Attualmente il paziente conserva la marcia senza sequele.

Riferimenti bibliografici:
-Fracturas y luxaciones, Koval y Zuckerman, Ed. Marban.
-Fracturas en el adulto, Rockwood and Green´s.

Authors get paid when people like you upvote their post.
If you enjoyed what you read here, create your account today and start earning FREE STEEM!