L’importanza della casualità: il ruolo di Keep in tBTC

in #keep4 years ago

Come Keep contribuisce alla prima app che consente alle persone di guadagnare con i propri Bitcoin su Ethereum

Keep è uno dei tre progetti che contribuiscono a tBTC, che verrà lanciato il 27 aprile e consentirà ai possessori di Bitcoin di utilizzare per la prima volta le applicazioni di finanza decentralizzata di Ethereum. Keep, Summa e Cross-Chain Group sono responsabili di almeno uno degli elementi tecnici del progetto open-source, che consente agli utenti di guadagnare in sicurezza su Ethereum con i propri Bitcoin. Il contributo specifico di Keep è il beacon casuale che seleziona i firmatari per i depositi di TBTC, che sono token ERC-20. tBTC ha bisogno di un sistema con un proprio gettone di lavoro per la resistenza Sybil. Gli stessi firmatari vengono selezionati anche da un pool di candidati sulla rete Keep.

Keep riguarda la privacy

Keep è progettato come una soluzione per la privacy. In particolare, Keep consente la privacy sui componenti di rete essenziali. I gruppi di firma non possono funzionare a meno che non stiano firmando da una chiave che nessuno conosce; questo vale anche per il beacon casuale. Al centro della soluzione di Keep c’è la capacità di mantenere piccole quantità di dati (come una chiave privata) effettivamente private per poter fare cose con quei dati. Questo è il motivo per cui la vera casualità è così importante in Keep. Tutte le parti dovrebbero collaborare per sapere su cosa sta lavorando un utente e la collusione diventa quasi impossibile quando la selezione del firmatario è veramente casuale.

La soglia ECDSA “mantiene” proteggere i Bitcoin degli utenti

La distinzione tra in catena e fuori catena è importante qui. tBTC è interamente on-chain. Ma Keep archivia le informazioni private, come le chiavi, in “keep” off-chain che utilizzano la soglia ECDSA, che viene controllata e utilizzata dai migliori portafogli e scambi crittografici, incluso Binance. Queste “fortezze”, che prendono il nome dalla parte più sicura di un castello, comunicano tramite la catena Ethereum ma esistono separatamente da essa. I contratti intelligenti di tBTC interagiscono con i contratti intelligenti sulla rete Keep, che toccano le riserve off-chain.

I concetti utilizzati da Keep non sono nuovi. Ciò che è nuovo e speciale nel modo in cui Keep agisce all’interno di tBTC è l’assemblaggio specifico dei concetti. Le idee vengono messe insieme con contratti intelligenti in modo definito e sicuro. Il design è radicato in un’etica che dà la priorità a dare al titolare del token il massimo grado di autonomia. I titolari e gli operatori possono decidere dove vogliono mettere il rischio e come gestirlo, piuttosto che la rete che decide per loro. Tutto questo viene fatto in un ambiente senza fiducia.

Il beacon casuale seleziona i firmatari

Un modo chiave in cui tBTC garantisce l’assenza di fiducia è affrontando il rischio di controparte. Utilizza un sistema di “gruppi di firmatari” che consente a tBTC di elaborare le transazioni senza un intermediario fidato. La selezione del firmatario è quindi essenziale per il corretto funzionamento di tBTC. L’idea è che nessuno sa chi saranno i firmatari, compresi i firmatari stessi fino al momento in cui vengono selezionati dal beacon casuale. Questo per garantire che i firmatari non siano in grado di colludere per rubare fondi o attaccare la rete, ed è per questo che la vera casualità fornita dal beacon è così importante.

Possiamo confrontare il beacon casuale di Keep con altre costruzioni a prova di fiducia come zk-SNARK. Si può pensare che i due concetti forniscano approcci diversi allo stesso problema. Con zkSNARKs, un utente vede la prova che un’azione è stata completata correttamente, senza che i dettagli della transazione o la controparte siano rivelati. In sostanza, gli zk-SNARK dicono: “Ho fatto questa cosa. Ecco la prova che ho fatto questa cosa correttamente. “

Il beacon casuale di Keep si avvicina efficacemente a questo dalla direzione opposta, utilizzando la casualità per garantire che un’attività venga completata in modo affidabile. Quindi Keep dice: “Per favore, fai questa cosa per mio conto con le informazioni, in modo che nessuno possa sapere di cosa si tratta”.

Sibilla resistenza

Un importante elemento di sicurezza è la resistenza della Sibilla. In un attacco sybil, un utente crea più account che insieme costituiscono una massa critica che può assumere il controllo della rete. Affinché tBTC abbia un’efficace resistenza della Sibilla, le implicazioni negative di questi attacchi devono superare quelle positive. Deve essere proibitivo assumere il controllo di un determinato gruppo di firmatari e quindi attaccare il sistema.

Essendo la prima app costruita su Keep, la prima iterazione di tBTC è progettata partendo dal presupposto che Keep è imperfetto nel fornire la resistenza sybil, poiché ci saranno meno utenti all’avvio rispetto alle fasi successive dello sviluppo della rete, riducendo così le risorse necessarie per un attacco riuscito. bene. Man mano che Keep matura, tuttavia, le versioni future di tBTC saranno in grado di sfruttare una migliore resistenza della Sibilla per ridurre i costi di funzionamento e utilizzo di tBTC.

Keep aiuta ad abilitare l’assenza di fiducia in tBTC

Il team di Keep ha riflettuto a lungo su come fornire una vera casualità e quindi mancanza di fiducia. Il beacon casuale è progettato come un motore in grado di alimentare molte app che affrontano molti casi d’uso diversi. In tBTC, fornisce il componente chiave che garantisce che i BTC degli utenti siano al sicuro una volta depositati: che possono fidarsi del sistema senza doversi fidare di intermediari, perché non ci sono intermediari. Crediamo nella privacy e nella finanza come diritti umani e in tBTC stiamo dimostrando che possono rafforzarsi a vicenda.

Iscriviti alla mailing list tBTC per gli aggiornamenti.
Risorse addizionali:

Risorse addizionali:



Coin Marketplace

STEEM 0.19
TRX 0.12
JST 0.028
BTC 63605.39
ETH 3470.79
USDT 1.00
SBD 2.52