Messa in piega senza pensieri [theneverendingcontest]

in ita •  3 months ago 

Carlo Garelli aveva studiato molto per fare il lavoro che desiderava: la laurea, la specializzazione, il tirocinio, l'esame di stato. Sembrava un percorso che non sarebbe mai finito, più volte aveva dovuto lavorare sul suo “goal setting” per raggiungere gli obiettivi desiderati e alla fine ce l'aveva fatta: era uno psicologo con specializzazione in Psicologia clinica e un master in Terapia cognitivo-comportamentale e …. disoccupato! Perchè entrare nel mondo del lavoro si era rivelato un incubo: tasso di disoccupazione alle stelle, concorsi bloccati, tasse altissime, affittare uno studio si rivelò proibitivo. Tutto il suo entusiasmo si afflosciò rapidamente, e non solo quello!
Sapeva che ormai, nel mondo moderno, per avere un po' di successo bisognava sapersi distinguere dalla massa e cercò subito di mettere in funzione la parte destra del suo cervello per sviluppare la creatività e modalità di pensiero alternative. Perchè aveva imparato che un'alternativa c'è sempre.



woman-586185_960_720.jpg
Immagine CC0 creative commons

-Oh santi numi! Oggi ho un diavolo per capello!!- la signora Clelia si recò, come ogni giovedì, nel Salone di bellezza “Ogni riccio un capriccio”. Nevicasse o ci fossero +40° non rinunciava mai al suo appuntamento settimanale con Linda, la sua parrucchiera di fiducia. Entrò come un uragano maledicendo il traffico che l'aveva fatta arrivare in ritardo e assunse un'aria indispettita vedendo che Linda stava già lavorando su un'altra cliente.
-Vuole accomodarsi, signora Clelia?- le chiese gentilmente una delle altre parrucchiere del salone.
-Neanche per sogno cara. Sai che solo Linda può mettere le mani sulla mia testa- rispose lei prendendo una rivista e sedendosi, accavallando nervosamente le gambe. Contemporaneamente apparve sul suo volto un fastidioso tic all'occhio destro mentre guardava l'orologio ogni trenta secondi: Clelia sembrava sul punto di implodere, o peggio di esplodere.
Carlo allora, che si trovava li perchè era passato a salutare la sua amica Linda che aveva bisogno di un po' di supporto perchè era stata lasciata dal fidanzato, le si avvicinò e iniziò a parlare con lei, come se fosse anche lui in attesa del suo turno.
Dopo qualche convenevole, la sua deviazione professionale prese il sopravvento:
-Mi sembra di capire che ha un po' di fretta ... - osò lui, entrando in zona di guerra.
-Un po' di fretta? È un eufemismo. Sono direttrice di una nota rivista, devo rivedere tutti gli articoli, le foto, l'impaginazione, fare l'intervista della settimana, seguire un servizio fotografico, assumere una nuova collaboratrice … posso andare avanti a lungo se vuole-
-Capisco, ma questo dovrebbe essere un momento di relax, non trova?-
-Cos'è questa, psicologia spiccia?-disse, ma poi le si incrinò la voce -Lei non può capire-
-Mi metta alla prova- la solleticò Carlo.
-Il mio capo è un uomo e io sono una donna, sempre inferiore al suo sguardo, ho sempre il suo fiato sul collo, non posso fare un errore che me la fa pagare per mesi, io e mio marito abbiamo appena divorziato, mia figlia si è trasferita a Boston e oggi non riuscirò ad andare in palestra perchè farò tardi. Ha qualcosa da consigliarmi oltre al Lexotan che già prendo regolarmente?-.
-Sa Clelia, una delle poche cose che ho imparato nella vita è che quando siamo in crisi è necessario cambiare prospettiva e guardare le cose da un altro punto di vista.-
Nel frattempo Linda aveva chiamato la signora Clelia e l'aveva fatta accomodare per lo shampoo. La signora Clelia fece segno a Carlo di seguirla: -Si spieghi meglio ragazzo- lo esortò.
-Vede, secondo me, lei si è fossilizzata in alcuni pensieri negativi che le portano solo stress. Il suo capo è un uomo? Probabilmente la teme e usa i suoi errori per tenerla a bada. Il divorzio può essere l'inizio di una nuova vita per lei. Boston sarebbe una bella meta per il suo prossimo viaggio e stasera, invece di andare in palestra faccia un piano strategico di deleghe per i suoi collaboratori. Si fidi di loro come del suo Lexotan! Ora devo andare, mi scusi- Carlo uscì di corsa, aveva esagerato e non voleva sentire la risposta della signora Clelia che rimase impietrita sotto il casco che asciugava i suoi capelli.

Carlo tornò da Linda due ore dopo, certo di non trovare più la signora Clelia. In compenso c'era una giovane ragazza con i capelli corti che piangeva disperatamente mentre tutti le altre clienti la guardavano curiose.
-Ha voluto un taglio di capelli radicale- rispose Linda al suo sguardo interrogativo.
Ancora una volta Carlo non seppe resistere e si avvicinò alla giovane.
-Sai cosa diceva Coco Chanel? che “una donna che si taglia i capelli è in procinto di cambiare la sua vita”. E' un bel programma!-
-Io non vole vo cam biare un bel nie e nte, ma lui m i i ha lasciataaaa ... Cosi ho taglia to i miei ca a pelli lunghi che a lui pia ceva no tanto! Si può essere più stupidi? Cosi adesso gli piacerò ancora menoooo...-piagnucolò Stefy guardandosi allo specchio.
-Qualche cambio è necessario a volte. E a te come piacciono i tuoi capelli?-
-Cooo rtiiii!! - rispose lei.
-Allora sei stata coraggiosa: hai fatto qualcosa per te stessa!-
-Si brava- si intromise una cliente -non hai bisogno di lui!-
-Ha ragione-disse un'altra -è successo anche a me. E adesso non mi faccio più dire da nessuno come vestirmi o come portare i capelli-
-Giusto, riprenditi la tua indipendenza. Se ti ha lasciata non ti merita-affermò un'altra voce.
-Non sprecare troppo tempo a piangere tesoro. Non se lo merita!-
Insomma in meno di cinque minuti il Salone si era trasformato in una terapia di gruppo! Ah, le donne, pensò Carlo. Almeno Stefy uscì rincuorata e con le delle nuove amiche.

-Accidenti che giornata- disse Linda chiudendo il negoziozio. Adesso come minimo ci meritiamo una pizza!!

Il giorno dopo, a mezza mattina, Linda lo chiamò concitata: -Carlo, vieni qui, svelto. Ho una coda di signore che vogliono un appuntamento!-
-E devo venire a farti da segretaria?-
-Vogliono te, scemo!!-

E così la parte creativa del cervello di Carlo partorì un'idea innovativa; mentre Linda avrebbe pensato alla parte esterna delle teste, lui ci avrebbe guardato dentro: due servizi in uno, a prezzo accessibile per tutti!! Il salone ebbe un successo inaspettato e il dottor Garelli dovette comprare un'agenda nuova per i suoi appuntamenti!!



In partecipazione a:
theneverendingcontest n° 37 S2-P8-I1 – Contest di @spi-storychain

Authors get paid when people like you upvote their post.
If you enjoyed what you read here, create your account today and start earning FREE STEEM!
Sort Order:  

Congratulations @road2horizon! You have completed the following achievement on the Steem blockchain and have been rewarded with new badge(s) :

You published a post every day of the week

You can view your badges on your Steem Board and compare to others on the Steem Ranking
If you no longer want to receive notifications, reply to this comment with the word STOP

To support your work, I also upvoted your post!

You can upvote this notification to help all Steem users. Learn how here!

You got a 55.63% upvote from @minnowvotes courtesy of @road2horizon!

Neat story! I like your writing and the lessons learned here. :D