Thoughts about HF20 - Praise of simplicity

in #ita2 years ago (edited)

scrap740_a.jpg
ORIGINAL WORK BY @pab.ink
Use authorized by the author


1.jpg
2.png

I remember that when I was a kid, I spent endless hours playing Alter Ego, a completely text-based online role-playing game. It was simple: you connected to the site, entered your credentials and you were in... At that point, the map of a small medieval village appeared, with fantasy setting, within which you could click on a handful of places. There was the castle, the tavern, the wood, the tower of the white wizards, the tower of the black ones, and little else. Once you reached one of these places you had access to a chat, which could represent, for example, the tavern, and here it was possible to interact in a turn-based scheme with others present, only describing in chat your own actions, creating each time a different story.

Maybe it was not a great game, and today's kids would probably find it boring until death; but for those who, like me, had a lot of imagination and the healthy passion for writing was pleasant.

In any case, the game was quite successful ... The users increased, until the point when developers decided to renew everything, greatly expanding the small world of Alter Ego. The news initially made us very happy and, after a few days of down, the site returned online, with an infinity of new features.
There were many more places, many possibilities to interact with other users outside the chat, self-regulating systems, and much more.

The initial amazement, however, soon left room for the awareness that something had changed. There was something different in that game, it was no longer "our" Alter Ego. Little time passed, very little time. It's been a while 'years, and I do not have many memories in reality (and this is already significant), but I do not think I have used the new site more than a couple of times.
Things got complicated. And the game died. Quickly.

Quando ero ragazzino ricordo di aver speso interminabili ore giocando ad Alter Ego, un gioco di ruolo online completamente testuale. La cosa era semplice: ti collegavi al sito, inserivi le tue credenziali ed entravi... A questo punto compariva la mappa di un piccolo villaggio medievale, con ambientazione fantasy, all'interno del quale era possibile cliccare su una manciata di luoghi. C'era il castello, la taverna, il bosco, la torre degli stregoni bianchi, la torre di quelli neri, e poco altro. Una volta raggiunto uno di questi luoghi si aveva accesso ad una chat, che poteva rappresentare, per esempio, la taverna, e qui era possibile interagire in uno schema a turni con gli altri presenti, unicamente descrivendo in chat le proprie azioni, creando ogni volta una storia diversa.

Forse non era un gran gioco, e i ragazzini di oggi probabilmente lo troverebbero noioso fino alla morte; ma per chi, come me, aveva un sacco di fantasia e la sana passione per la bella scrittura risultava piacevole.

Ad ogni modo, il gioco ebbe un discreto successo... Gli utenti aumentarono, fino al punto in cui gli sviluppatori decisero di rinnovare il tutto, ampliando notevolmente il piccolo mondo di Alter Ego. La notizia ci rese inizialmente molto contenti e, dopo alcuni giorni di down, il sito tornò online, con un'infinità di features in più.
C'erano tantissimi luoghi in più, molte possibilità per interagire con gli altri utenti al di fuori della chat, sistemi di autoregolazione, e tanto altro ancora.

L'iniziale stupore, però, lasciò ben presto spazio alla consapevolezza che qualcosa era cambiato. C'era qualcosa di diverso in quel gioco, non era più "il nostro" Alter Ego. Passò poco tempo, molto poco tempo. Sono passati un po' di anni, e non ho molti ricordi in realtà (e già questo è significativo), ma non penso di aver utilizzato il nuovo sito più di un paio di volte.
Le cose si fecero complicate. E il gioco morì. Rapidamente.


scrap746_a.jpg
I bought two cloves of garlic from the farmer, and my voting mana collapsed by 90%.
ORIGINAL WORK BY @pab.ink
Use authorized by the author


And this brings us back to what is happening these days following the implementation of HF20. Back on Steemit after a period of forced stop, I found the community in great turmoil, and I decided to look for and read all the news that I managed to recover.

People can like or not the innovations introduced in the last days, it is something very subjective; as such, everyone's opinion counts and must be respected. Personally I find these updates quite interesting. I can not say whether they are the solution to any of the problems that afflict Steem's blockchain right now, and I imagine that not even the developers know it; but it is an attempt, and we must observe for a while before judging, to understand how it will go. But I think that the current problems of this platform are under the eyes of all, except under those who are interested in letting things go wrong (but I close the controversy right away), and something had to be done. Part of this something is included in the HF20, and so we have to wait and observe.
So the ideas finally seem to be there.

That said, the way these ideas have been implemented is simply disastrous. This is, in some ways, the first profound change for some months now, and I personally think that everything should be tested better before releasing. Unexpected Voting Power Behavior titled a post appeared on @steemitblog yesterday. What would you say Unexpected Voting Power Behavior? But the point, in reality, is not this. Bugs and unexpected surprises are at the base of any development process, and I have to admit that, all things considered, those in charge managed and dealt with it in a more than adequate way.

What I consider disastrous is different. Steem's blockchain, and all Steemit ecosystem by extension, has never been very simple, but it must be said in all honesty that it was never been something too complicated. I know a lot of people with little confidence in the field of blockchain and cryptocurrencies that still manage to use the platform with profit (not exclusively economic, I mean). First of all @sgravaleonte, the most anti-tech under 30 that I have ever known. The successful compromise between difficulties related to new technology and simplicity represents, or represented, one of Steemit's strengths. Losing this simplicity on the street can be a big blow.

E questo ci riporta a quanto sta accadendo in questi giorni in seguito all'implementazione dell'HF20. Di ritorno su Steemit dopo un periodo di stop forzato, ho trovato la comunità in grande fermento, e ho deciso di andare così a leggere tutte le news che sono riuscito a recuperare.

Le novità introdotte possono piacere o meno, si tratta molto probabilmente di qualcosa di soggettivo; come tale, l'opinione di ciascuno conta e deve essere rispettata. Personalmente trovo questi aggiornamenti abbastanza interessanti. Non so dire se siano la soluzione a qualcuno dei problemi che affliggono la blockchain di Steem in questo momento, e immagino che non lo sappiano con certezza nemmeno gli sviluppatori; ma è un tentativo, e bisogna stare un attimo ad osservare, per capire come andrà. Penso però che gli attuali problemi di questa piattaforma siano sotto gli occhi di tutti, tranne che sotto quelli di coloro che sono interessati a lasciare che le cose vadano male (ma chiudo subito la polemica), e qualcosa andava fatto. Parte di questo qualcosa da fare sta nell'HF20, e quindi restiamo a guardare.
Le idee, quindi, sembrano finalmente esserci.

Detto questo, il modo in cui queste idee sono state implementate è semplicemente disastroso. Si tratta, per certi versi, del primo cambiamento profondo da un bel po' di mesi a questa parte, e personalmente ritengo che si sarebbe dovuto testare meglio il tutto prima di rilasciare. Unexpected Voting Power Behavior titolava ieri un post apparso su @steemitblog. Come sarebbe a dire Unexpected Voting Power Behavior? Ma il punto, in realtà, non è questo. Bug e sorprese inaspettate sono alla base di qualsiasi processo di sviluppo, e devo ammettere che, tutto sommato, chi di dovere ha gestito e affrontato la cosa in un modo più che adeguato.

Quello che ritengo disastroso è altro. La blockchain di Steem, e tutto Steemit per estensione, non è mai stata qualcosa di semplice, ma bisogna dire in tutta onestà che non è mai stato nemmeno qualcosa di troppo complicato. Conosco parecchie persone poco ferrate in materia di blockchain e cryptovalute che riescono comunque ad utilizzare la piattaforma con profitto (non esclusivamente economico, si intende). Primo tra tutti @sgravaleonte, l'under 30 più anti-tech che io conosca. Il compromesso riuscito tra difficoltà legate a una nuova tecnologia e semplicità rappresenta, o rappresentava, uno dei punti di forza di Steemit. Perdere per strada questa semplicità può rappresentare un duro colpo.


Immagine1.jpg
@pab.ink while waiting for the mana bar to regenerate.
ORIGINAL WORK BY @pab.ink
Use authorized by the author


I remember that when I started using Steemit, someone explained to me the role of Bandwidth very quickly. The more you do, the more you consume. And it often happened that at peak times, having little SP, I could not publish. A little irritating, perhaps, but simple to understand.
Now the whole mechanism is certainly more efficient, and perhaps fairer, no doubt. But it is also more complicated. The most technological part of me sees these innovations as a possible cool thing... The most human part, however, realizes that to decide if something is "good or bad", assuming that things can be categorized as such, we must take into account many factors. It is not enough that something is performing to be good, other qualities are also needed; and simplicity is one of these. As evidenced by the sad story of Alter Ego.

Another example could be the voting mana; why create confusion by changing the name to something that worked until yesterday without too much trouble? And if we really had to change, why not do it at another time, without mixing too much news?

Nevertheless, I am well aware that this vision of mine is a hot vision of the thing; maybe in a few days everything will be clearer, and we will use the new system as if it had always been the same. And perhaps, who will land on Steemit from now on will be comfortable with the new, having never seen the old. It could be.

This tendency to always complicate everything in the name of a (sometimes presumed) innovation, however, is something recurrent, which I observe more and more often looking around, especially if we talk about technology. Also from big brands like Apple or Facebook. I therefore liked the idea of ​​sharing these thoughts, hoping that they might reflect on the importance of simplicity. Innovation is important, there is no doubt, but so is simplicity.
Even more, it is in the world of blockchain and cryptocurrencies; It is often said that one of the great limits to mass adoption is the lack of simplicity of use. We should therefore try to make everything as immediate as possible, almost trivial; efficiency, at least in this case and in this historical moment, can not be measured only with the goodness of an algorithm that determines the consumption of the network ... There are perhaps more important things.

Ricordo che quando iniziai a usare Steemit mi venne spiegato il ruolo della Bandwidth, molto rapidamente. Più cose fai, più si consuma. E capitava spesso che nei momenti di punta, avendo poco SP, non potessi pubblicare. Un po' irritante forse, ma di semplice comprensione.
Ora l'intero meccanismo è sicuramente più efficiente, e forse più equo, non c'è dubbio. Ma è anche più complicato. La parte più tecnologica di me vede queste innovazioni come una possibile figata... La parte più umana, invece, si rende conto che per decidere se una cosa è "buona o cattiva", ammesso che le cose possano essere catalogate come tali, bisogna tenere conto di tanti fattori. Non basta che una cosa sia performante per essere buona, servono anche altre qualità; e la semplicità è una di queste. Come dimostra la triste storia di Alter Ego.

Un altro esempio potrebbe essere quello relativo al voting mana; perché creare confusione cambiando il nome a qualcosa che fino a ieri ha funzionato senza troppi problemi? E se proprio andava cambiato, perché non farlo in un altro momento, senza mischiare troppe novità?

Ciononostante, ho ben presente che questa mia visione è una visione a caldo della cosa; magari tra qualche giorno sarà tutto più chiaro, e utilizzeremo il nuovo sistema come se fosse lo stesso da sempre. E forse, chi approderò su Steemit da ora in avanti si troverà a proprio agio con il nuovo, non avendo mai visto il vecchio. Ci può stare.

Questa tendenza a complicare sempre tutto in nome di una (talvolta presunta) innovazione, però, è qualcosa di ricorrente, che mi capita di osservare sempre più spesso guardandomi attorno, soprattutto se si parla di tecnologia. Anche da parte di grandi brand come Apple o Facebook. Mi piaceva quindi l'idea di condividere questi pensieri, sperando che un po' facciano riflettere sull'importanza della semplicità. L'innovazione è importante, non c'è dubbio, ma lo è anche la semplicità.
Lo è, ancora di più, nel mondo della blockchain e delle cryptovalute; si dice spesso che uno dei grandi limiti all'adozione di massa è la poco semplicità di utilizzo. Bisognerebbe quindi cercare di rendere tutto il più possibile immediato, quasi banale; l'efficienza, almeno in questo caso e in questo momento storico, non si può misurare solo con la bontà di un algoritmo che determina il consumo della rete... Ci sono cosa forse più importanti.


votaXdavinci.witness.jpg
Immagine CC0 Creative Commons, si ringrazia @mrazura per il logo ITASTEM.
CLICK HERE AND VOTE FOR DAVINCI.WITNESS


Sources

Sort:  

io penso che per capire bene il cambiamento, bisognerebbe essere nella testa delle alte sfere e conoscere eventuali progetti. Potrebbe essere in atto l'intenzione di attirare nuovi investimenti. Ci potrebbe essere ad esempio il tentativo di attirare i grandi gruppi editoriali; i quali avendo dei dubbi sul vecchio sistema potrebbero aver chiesto modifiche prima di mettere i loro soldi in steemit. Se poi questo sarà un bene o meno per i comuni mortali sarà da vedere, ma da quando mondo è mondo, non è mai fregato a nessuno dei poveracci, quello che conta sono i soldi.

condivido il pensiero di @pab.ink, non sappiamo o almeno io non capisco questa necessità di cambiare il modo di calcolare questi parametri... e in fin dei conti non me ne frega, come detto un'altra volta per me è il momento di stare alla finestra. Se la piattaforma non aiuta inutile perderci tempo, ma di fatto è troppo presto per trarre conclusioni. Sono curioso di vedere l'andamento della quotazione di steem.
un saluto, nicola

Hai fatto bene a condividere.
In linea generale la penso come te. Qualsiasi piattaforma deve essere user friendly come si suol dire ed i meccanismi dovrebbero essere ricettibili da tutti.
Detto ciò, nello specifico, non so davvero che pesci prendere non avendo idea di quali siano le potenzialità delle nuove implementazioni.

Coin Marketplace

STEEM 0.15
TRX 0.03
JST 0.037
BTC 10341.37
ETH 331.98
USDT 1.00
SBD 0.95