Nuovamente sulla Direttiva sul Diritto D'Autore

in ita •  5 months ago

La colpa è nostra.

Ammettiamolo, nonostante Steemit basi buona parte delle sue comunità su concetti simili DIRETTIVA DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO sul diritto d'autore nel mercato unico digitale non siamo arrivati a questo momento con la risposta giusta ad un provvedimento che arriva, probabilmente, troppo presto.

block-chain-2850276_1920.jpg

Foto di geralt CC0 Creative Commons - Libera per usi commerciali - Attribuzione non richiesta

Tralasciando i toni apocalittici e le molte ipotesi di controllo da parte delle nazioni sulla rete, e ragionando su quello che, su questa piattaforma, ci viene più facile, avremmo dovuto avere in mano la soluzione al problema. Ma non l'abbiamo.

Eppure noi che di Blockchain e Smart contract dialoghiamo ogni giorno, avremmo dovuto proporre sistemi di intermediazione tra autori ed editori, o siti finali, capaci di gestire utilizzo, ed in caso riutilizzo, di ogni media, foto, video, articolo che sia, prodotto.

Avremmo dovuto presentare un sistema che garantisse una giusta, ed adeguata, remunerazione ai produttori di qualsiasi contributo. Dal piccolo fotografo, al museo che vorrebbe sfruttare, al meglio, le opera ospitate. Dal cantante locale, al videomaker. Legare queste figure in uno, o meglio una serie, di database in grado di vendere in maniera automatica l'oggetto al social, al blog o allo youtuber.

Avremmo potuto, invece siamo arrivati troppo tardi, o troppo presto.

Authors get paid when people like you upvote their post.
If you enjoyed what you read here, create your account today and start earning FREE STEEM!
Sort Order:  

Ma a che pro? Tanto mio cugino me le fa gratis le foto/video/whatever...
Ebbene sì, per l'ennesima volta, nell'incapacità di mettere delle regole di mercato decenti volte a garantire il diritto d'autore siamo al solito aut aut.
Evviva ☹️

·

se tuo cugino è molto bravo é il primo che ha da perderci, nel caso tuo cugino non sia bravo ha da guadagnarci :D

·
·

ovviamente era un mio cugino ipotetico...ma è come il lavoro creativo viene mediamente sminuito

La penso come l'amico @ciuoto , alla fine l' incapacitá di saper gestire questo mondo e proporre regole valide e costruttive.

·

Carenza dei politici, carenza nostra che non siamo riusciti a convincere i politici, carenza delle aziende che avrebbero potuto fare lobbing ...
Insomma le carenze non sono solo da una parte anche perché le leggi le fanno i nostri rappresentanti, noi urilizziamo i social network ecc.
Quindi la colpa è nostra.

·
·

Di tutti certo.

·
·
·

Ovviamente non di tutti in senso generale.
Ad esempio mia nonna, é campata per anni sui diritti d'autore , senza per altro rendersene mai conto.
Ma non posso mettermi a spiegarle questo concetto non lo capirebbe mai.
Però noi che giornalmente parliamo di Smart Contract saremmo dovuti essere i primi a proporlo come argomento.

·
·
·
·

Benissimo detto!
Secondo me un grosso problema ad oggi per i creativi è che (a quanto ne so, correggimi se sbaglio) mentre le grandi case cinematografiche si fanno pagare dalle emittenti i diritti in base a statistiche del numero di spettatori molti siti, social, blog e canali youtube di grande portata hanno accesso alle immagini a prezzi ridottissimi visto che possono permettersi abbonamenti vantaggiosi! Esattamente il contrario! Piccoli siti e blogger che vogliono essere in regola per una immagine sborsano invece molto di più.....
Vedremo comunque cosa succederà, grazie che ci tieni aggiornati!

·

Ovviamente il prezzo lo fa il volume.
Ma il rispetto che io ipotizzo non c'è ne sui piccoli blog né su siti interplanetari come Facebook.
Sul web manca la cultura del rispetto del copyright.

Ci sono cambiamenti talmente veloci, che non ci di rende conto di alcune regole, che prima o poi qualcuno chiede che vengano rispettate. Mah...io sinceramente non so esattamente dove stia la verità. Fatto sta che il blocco di Wikipedia potrebbe essere (o non essere)la punta di un iceberg. Chi lo sa. Staremo a vedere

·

La verità esiste solo su fatti incontrovertibili. Per il resto ci sono pareri e scelte.
Se i deputati della Commissione Europea vogliono dare più importanza alla libertà di utilizzo dei materiali, rispetto a chi ha prodotto quei materiali, è giusto che sia. Ma che sia chiaro ed esplicito.