Cene fuori, dividere in parti uguali o no?

in ita •  17 days ago

Quante volte vi è capitato di andare a cena fuori con amici/parenti o anche con persone appena conosciute? a me è capitato molte volte e quello su cui voglio soffermarmi in questo post è il conto da pagare alla fine della cena. Onestamente non ho mai capito il perché non ci si metta d'accordo prima su come il conto verrà diviso. Principalmente ci sono due modi di dividerlo:

  1. Ognuno paga quello che ha consumato per conto proprio.
  2. Il conto si divide in parti uguali tra tutti i commensali.

Ogni tipologia ha delle conseguenze piuttosto evidenti, ma andiamole comunque ad analizzare tentando di capire quale sia l'approccio migliore (o più furbo a seconda dei punti di vista).


Chris Potter, Attribution 2.0 Generic

Il numero 1 è sicuramente il modo più bilanciato di concludere una cena, che si tratti di amici o di gente che non vedrete mai più, potrete stare in pace con la vostra coscienza: nessuno avrà pagato di più di quello che ha consumato e il vostro portafogli sarà l'unico a rispondere delle scelte fatte dal menù.

Il numero 2 è quello dove sorgono delle disparità, chi consuma meno si troverà a dover pagare di più, al contrario chi ha deciso di fare una ricca cena si troverà a pagare meno per il pasto consumato approfittando del fatto che non si sia deciso in anticipo il metodo di pagamento, sono abbastanza convinto che nel caso di scelta del numero 1 la stessa persona in questione non avrebbe consumato con la stessa libertà un quarto del menù.
In questo caso diventa difficile restare nella via di mezzo, non è possibile sapere quale sarà la media del conto finale e anche quando: calcolarla e scegliere dal menù le opzioni necessarie a pagare proprio la media finale è una cosa da psicopatici.

Ricordo in particolare una cena con persone che non conoscevo avvenuta qualche anno fa in un ristorante cinese che serviva anche sushi, come al solito non si era deciso come il conto sarebbe stato diviso e quindi ordinai una cena del tutto normale, per poi sentire due persone richiedere barche di sushi, birre e chissà che altro. Alla fine anche se le due persone citate avevano accumulato un conto di circa 35 euro a testa e io di circa 15 euro il tutto fu diviso in parti uguali.

Dunque cosa fare? a prescindere dalle persone con cui andate a cena (anche se un occhio di riguardo per amici e parenti è una buona idea, perché non penso stringiate amicizia con persone che si mangiano mezzo ristorante e alla fine dicono "ora dividiamo") la cosa migliore IMO è quella di mangiare liberamente ma senza esagerare. In questo modo se il conto sarà diviso a consumo pagherete quel che è giusto, nel secondo caso vi troverete a pagare più o meno il prezzo medio che potrebbe essere inferiore a quel che avete consumato.

In alternativa quando mangiate con sconosciuti che si vogliono evidentemente approfittare della situazione attuate la tattica del Sith: aspettate che tutti finiscano di ordinare e poi dite al cameriere che avete dimenticato l'aragosta e il Titanic di sushi, prestando attenzione alla faccia dei furboni sbiancare quando realizzeranno che dovranno spingere per pagare ognuno il priprio, rinunciando di fatto a far pagare al prossimo il proprio cibo.


Canali social e contatti:

Twitter: https://twitter.com/Charles73710680
charlesx@koinsquare.com

Mi trovate anche su koinsquare:

https://www.facebook.com/groups/125929638106816
https://twitter.com/koinsquareNews
Email: info@koinsquare.com

Authors get paid when people like you upvote their post.
If you enjoyed what you read here, create your account today and start earning FREE STEEM!
Sort Order:  

Cercherò di spiegare brevemente come mi comporto io: a fasi alterne sono un mangione e mi piace ordinare, tanto che certe volte mi ritrovo ad ordinare piú di una pizza. Mi ritrovo quindi spesso nella situazione della figura che spende di piú. Nella mia mentalità e soprattutto nel legame che mi unisce agli amici che partecipano al pasto, non voglio gravare e passare da approfittatore: sono io stesso quindi a proporre di fare alla "romana" o a mettere di piú, cosí che la mia somma venga sottratta dal totale e poi si divida il restante tra meno persone.
Il problema sorge quando chi abbia speso di piú non è quantificabile, ma sarebbe augurabile che tra amici ci sia rispetto e non la volontà di "fregarsi" a vicenda.

Posted using Partiko Android

·

Con gli amici sarebbe d'obbligo, invece gli sconosciuti in media se ne fregano :)

Scene già vissute quelle che descrivi, personalmente mi adatto alla maggioranza e li per lì non do molto peso se qualcuno fa il furbo, ovvio che la volta dopo non vado certo a cena con lui molto volentieri.
Una cosa che mi da però molto fastidio e che mi è capitata ultimamente è stata alla mia cena di compleanno, andiamo a mangiare in 15 e decidiamo che ognuno paga il suo, io naturalmente pago per ultimo per pagare aperitivi ed eventuali "buchi" nel conto, ecco, non me lo aspettavo ma qualcuno se n'è andato senza pagare, conoscendo il personaggio l'ha fatto pure di proposito, che tristezza certe persone.
Eh vabbè, ce n'è di gente strana forte in giro...
Ultimamente vado di rado a mangiare nei ristoranti, penso che la media sia 3/4 volte l'anno, tra che per celiaci dove abito non esistono praticamente, tra che non ho molta voglia di uscire di casa ultimamente, son vecchio oramai...😆

Posted using Partiko Android

·

Andarsene senza pagare ad un compleanno? che roba triste!

·
·

Abbastanza, un bel personaggio, uno di quelli che quando gli offri qualcosa ti dice "grazie, a buon rendere" e puntualmente non ti offre mai nulla...😆

Posted using Partiko Android

Dimentichi la opzione 3 : chi propone la cena in questione, è giusto che paghi per tutti. Mi è successo solo due volte nella vita però ho rispettato la parola. Ebbi la malsana idea di dire ai miei ex compagni di scuola elementare dopo esserci ritrovati su fb a distanza di 35 anni, "Vediamoci una sera alla pizzeria che ho sottocasa: fanno la pizza più buona di Prato". Ovviamente dopo aver annunciato una pizzata con questi toni, era sottointeso che era come se li avessi invitati a casa mia. E pagai io il conto per intero. In merito alle tue due opzioni, sono valide entrambe a patto che prima o durante la cena i commensali siano consapevoli di quale delle due verrà adottata per sentirsi di conseguenza liberi di ordinare e mangiare quel che preferiscono

Posted using Partiko Android

·

Oddio dipende come viene proposta, se l'invito è formale e non è del tipo "ma che facciamo, andiamo a mangiare fuori domani?" allora ci può stare specialmente qundo c'è qualche evento particolare. Se invece dici "vi invito a mangiare fuori" allora ci sta che l'invito includa il tutto, ma non lo darei per scontato per esperienza personale!

Dipende anche dal ristoratore, che non vuole fare alla romana per non perdere tempo ed evitare casini, così prende il conto lo divide per x e lui sta a posto.

·

Si mi è capitato anche di voler dividere a seconda della consumazione e il responsabile dice "pagate e poi vedete tra voi", insomma non un gran bel modo di trattare i clienti!

Ognuno paga sempre il suo e ci si mette priam d'accordo. Almeno io faccio fare sempre cosi. Meglio chiarirsi prima.

·

Sicuramente la cosa migliore, sarebbe meglio prendere l'iniziativa in effetti, per evitare situazioni poco piacevoli.

Ahahahah chi non si è trovato in certe situazioni????

Posted using Partiko Android

·

Penso un po' tutti, in più ruoli probabilmente!

La tattica Sith mi ha fatto morire...
Beh, certamente queste situazioni mettono in difficoltà, soprattutto perché tendiamo a farci prendere da molteplici turbe mentali. Ad es., se non si è deciso il metodo di pagamento del conto, nel caso in cui il proprio conto ammoniti a 15 euro ma dividendo aumenti notevolmente, ci troviamo sempre con il conflitto interiore di dover palesare la propria irritazione oppure tacere (accumulando quindi punti odio verso il genere umano 🤣).
Sorgono le cosiddette vocine discordanti:

  • Di' agli altri che tu preferisci pagare solo la tua parte, che hai mangiato molto meno rispetto agli altri (dice la prima voce).
  • Zittoooo, vuoi fare la figura del tirchio? Non lo sai che poi è difficile togliersi la nomea di T-Rex? (ammonisce la seconda voce).
    Personalmente finivo sempre per ascoltare la seconda ma, dato che la cosa mi infastidiva, ho imparato a palesare sin da subito che il conto verrà pagato (passatemi il termine) 'ognuno il suo'.
    Poi è chiaro! Non si può generalizzare... Se tutti prendono una pizza e una bevuta, e la differenza del conto è di 2 / 3 euro, si fa prima a dividere...
    Insomma, secondo me va visto di volta in volta!