UNFORGETTABLE ITALY contest: Week 15:Val Codera..dove regna la solitudine!\Val Codera .. where loneliness reigns!

in Italylast month

197321423_180259723921220_3142842916592554656_n.jpg

iphone 7

Non voglio essere ripetitivo ma anche per questa giornata del Contest ho portato sempre delle splendide montagne che ci ricordano sicuramente l'Italia.

Posso dire che è solo un dato di fatto, per arrivare in Val Codera bisogna avere due ore di fiato e buone gambe ,da immolare sui 2600 gradoni in pietra dell' impervia mulattiera che sale da Novate Mezzola ,che dista circa un'ora e 40 minuti da Milano, facendosi largo tra passaggi aspri e precipizi.
Certo si può sempre optare per il "Tracciolino" viottolo scavato nella parete rocciosa negli anni '30 per ospitare una micro linea ferroviaria e trasportare in quote in materiali per la costruzione di una diga.
L'isolamento, bene improvvisamente prezioso, resta il primo privilegio di una valle alpina dove non esistono strade carrozzabili, dove di auto non c'è traccia ,dove il distanziamento sociale non è un regolamento ma una condizione abituale.
Qui lo sanno bene i sei residenti che ci dimorano tutto l'anno e vivono il loro eremitaggio come un irrinunciabile scelta di vita e lo sanno bene anche quegli altri 20 o 30 che abitano altrove ,ma qui hanno conservato la casa di famiglia da riaprire nella bella stagione, ma soprattutto lo sappiamo noi escursionisti, sempre alla ricerca di luoghi che non conoscano il "troppo" del turismo mordi e fuggi, che raggiungono questa valle appartata per poter trovare qua su frammenti preziosi di innocenza ambientale.

I can say that it is only a fact, to get to Val Codera you need two hours of breath and good legs, to be sacrificed on the 2600 stone steps of the impervious mule track that climbs from Novate Mezzola, which is about an hour and 40 minutes from Milan, making their way through rough passages and precipices.
Of course, you can always opt for the "Tracciolino" path dug into the rock face in the 1930s to house a micro railway line and transport materials for the construction of a dam.
Isolation, a suddenly precious asset, remains the first privilege of an Alpine valley where there are no carriage roads, where there is no trace of cars, where social distancing is not a regulation but a habitual condition.
Here the six residents who live there all year and live their hermitage as an indispensable choice of life know it well and those other 20 or 30 who live elsewhere know it well, but here they have kept the family home to reopen in the beautiful season, but above all we hikers know it, always looking for places that do not know the "too much" of hit and run tourism, who reach this secluded valley to be able to find here precious fragments of environmental innocence.

Sort:  

Beautiful scenery...nice place to go

This post has been upvoted by @steemcurator06, the account that curates The European Communities with the support of the Steem Community Curation Project.

girolamomarotta
Italy Country Representative 🇮🇹